Fu assassinato in un agguato tesogli da alcuni malviventi rimasti ignoti.

La sera del 1° settembre 1866, al ritorno da una giornata di svago trascorsa in campagna con alcuni amici, si stava approssimando alle prime case del paese, quando fu aggredito a tradimento da quattro malviventi mascherati, che esplosero contro di lui diversi colpi di fucile, ferendolo mortalmente e dandosi alla fuga.

L’Applicato di P.S. Francesco Armenio, in servizio presso la Delegazione di Leonforte, nel  breve volgere di pochi anni aveva guadagnato la sana reputazione di funzionario serio, onesto, capace ed energico. In particolare, oltre ai numerosi arresti effettuati grazie ad instancabili e meticolose indagini, era riuscito a debellare una banda di pericolosi fuorilegge che, per quattro anni, aveva scorrazzato indisturbata nel circondario.

Fonte: Il Manuale del Funzionario di Sicurezza Pubblica e di Polizia Giudiziaria. Settembre 1866